MORFOLOGIA: CARNE

ezgif.com-webp-to-png (24).png
Sezione della carne nell'ovolo buono
Sezione della carne nell'ovolo buono

press to zoom
14
14

press to zoom
Sezione della carne nell'ovolo buono
Sezione della carne nell'ovolo buono

press to zoom
1/2

Andiamo ora a esaminare nel dettaglio ciò che costituisce lo sporoforo: la carne. Nei funghi può presentarsi omogenea o eterogenea, ossia differenziata; ha importanza la consistenza, che può essere spugnosa, cartilaginea, ceracea, legnosa, ecc.; inoltre a seconda della resistenza che offre alla penetrazione di un dito si può parlare di carne molle, flaccida o soda, oppure compatta, soda, tenace.

 

Un altro carattere da valutare è la succulenza, ossia il contenuto in acqua dei funghi, che ci permette di dividere specie a carne acquosa e specie a carne asciutta. Ha importanza anche osservarne il colore: sezionando per lungo il fungo si possono osservare anche differenti tonalità, in particolare sotto la cuticola o alla base del gambo; inoltre al taglio si possono evidenziare viraggi, anche dopo tempo prolungato o in doppie colorazioni, che possono aiutare nella determinazione di una specie. Infine, ha importanza sia separare i tubuli per osservare il colore della carne sottostante e riconoscere certe boletaceae (esempio, Suillellus luridus), oppure strofinare le varie superfici per apprezzare eventuali viraggi alla manipolazione.

 

Un altro aiuto viene dato dall’analisi del sapore: l’assaggio va effettuato masticando una piccola quantità del fungo e poi sputato; potremo riconoscere sapori miti, amari, dolci e acri o piccanti: nel caso dei funghi appartenenti al genere Russula ci può aiutare a distinguere una specie ostica e potenzialmente tossica, da una simile nell’aspetto ma dalla carne dolce e verosimilmente commestibile. Infine, ricordiamo come i funghi siano soggetti a fenomeni di putrefazione, e che esistono altre specie che, al termine del loro ciclo vitale, appassiscono e si seccano, diventando friabili e polverizzandosi.

 

E che, esistono anche particolari specie, dette reviviscenti, che una volta seccatisi (magari a causa del clima secco e caldo), riprendono la loro turgidità con climi piovosi e umidi, riprendendo addirittura ad emettere spore: il genere più noto per questa caratteristica è Marasmius, dove sono incluse le ottime gambesecche o Marasmius oreades.